II°parte: i “nuovi” materiali green in campo edile. La canapa.

Nella I° parte degli articoli dedicati ai nuovi materiali green in campo edile abbiamo visto quale deve essere il giusto approccio nel momento in cui si vuole utilizzare un nuovo materiale eco-friendly e quali sono le ricerche che vanno fatte per conoscerlo al meglio, prima del suo impiego.

Ricordo che i materiali green trattati in questi articoli sono solo quelli che sono stati realmente impiegati in campo edile e non prototipi o ricerche: lo scopo è avere maggiori informazioni solo sui materiali che effettivamente hanno un riscontro pratico che può essere considerato e analizzato.

COME RICONOSCERE UN MATERIALE ECOSOSTENIBILE.

CARATTERISTICHE, PRESTAZIONI, IMPIEGHI E NORMATIVA DI ALCUNI MATERIALI GREEN.

Tra i nuovi materiali sostenibili che stanno prendendo spazio in campo edile c’è la canapa, materiale che ha una lunga storia travagliata fatta di permessi e divieti di coltivazione ma, nello stesso tempo, ha anche una lunga tradizione di impiego, a partire dall’area alimentare fino a quella tessile. Sul web si trovano molte info sulla natura e sulla storia della canapa mondiale che quindi non tratterò, preferendo soffermarmi sulla scheda tecnica completa del materiale che meglio può presentare il prodotto.         

  1. Forma:

Pannelli e prodotti biocompositi canapulo + cemento/calce, cere, vernici e intonaci.

  1. Produzione:

Coltivazione sostenibile dal punto di vista ambientale con una rapida e abbondante crescita. E’ una pianta infestante, per crescere non necessita di irrigazione, erbicidi e pesticidi, né di antiparassitari e non avendo proteine al suo interno non è attaccata da roditori o altri insetti. La canapa ha anche un’azione fertilizzante e fito depuratrice: è capace di bonificare e risanare le aree inquinate dalle industrie chimiche. Assorbe CO2 dall’atmosferacontrastando così anche il riscaldamento globale e l’inquinamento. I prodotti si ottengono sia dai fiori che dai fusti della pianta.

  1. Caratteristiche:
  • Emissioni negative al carbonio;
  • Altamente ignifuga, resistente al fuoco e se bruciata non rilascia sostanze tossiche;
  • Più duratura e resistente del legno;
  • Elevata Traspirabilità, permeabile al vapore e quindi salubre e mai umida;
  • Non può essere attaccata da tarme, insetti e muffe;
  • Basso impatto ambientale;
  • Materiale Riciclabile a fine vita di un edificio;
  • Elevato isolamento termico e acustico, buon sfasamento;
  • Utilizzabile anche in campi tessile e cartario.
  1. Attenzione a:
  • Materiale altamente areato che si comprime facilmente se eccessivamente caricato.
  • Impiegato molto spesso in associazione a sabbia o altri inerti che portano ad una diminuzione delle prestazioni termiche e ad aumento di energia per la produzione del prodotto finale.
  1. Strutture, metodi di impiego:

Mattoni, intonaci, pannelli isolanti, truciolato.

  1. Costi Generali finali:

Il costo finale, per esempio, di una casa fatta di mattoni di canapa è superiore rispetto a quello di una casa tradizionale ma i costi di gestione sono talmente bassi da recuperare l’investimento iniziale in tempi brevissimi: le sue proprietà di isolamento termico-acustico, igroscopiche ed inerzia termica permettono al mattone di canapa di sostituire anche eventuali materiali isolanti termici ed acustici garantendo performance igro-termiche decisamente elevate.

  1. Alcuni esempi in Italia di costruzione in canapa:

Case di luce (BT), casa unifamiliare (UD), villa singola (LU).

      1. La Normativa:

Come per la paglia, io direi che questo prodotto non ha marcatura CE. Dal 1 gennaio 1995 solo i prodotti che ricadono sotto le “Direttive comunitarie cosiddette del nuovo approccio” hanno l’obbligo della marcatura: “la marcatura è apposta solo su prodotti per i quali la sua apposizione è prevista da specifica normativa comunitaria di armonizzazione e non è apposta su altri prodotti”.

Per approfondire l’argomento Normativa consultare l’articolo I° Parte – I “nuovi” materiali green in campo edile: la paglia”, paragrafo H) La Normativa. 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *