Il solar cooling

Il Solar Cooling è un sistema di “raffrescamento solare”, particolarmente innovativo dal punto di vista tecnologico, che consente di rinfrescare gli ambienti alimentando l’impianto di condizionamento con il calore prodotto da pannelli solari termici, che producono acqua calda, anziché con l’energia elettrica che alimenta i condizionatori tradizionali. Mentre il normale condizionatore utilizza un compressore meccanico, il Solar Cooling sfrutta un ciclo ad assorbimento, alimentato direttamente dall’energia solare, che copre fino al 98% del fabbisogno energetico della macchina: la richiesta energetica è quindi molto bassa, con evidenti benefici ambientali per ogni kilowattora risparmiato, per non parlare di un notevole abbassamento della bolletta dell’energia elettrica. 

RAFFRESCARE GLI AMBIENTI CON L’IRRAGGIAMENTO SOLARE

schema_funzionamento_solarcooling

Bisogna sempre ricordare che utilizzare l’energia solare per il “funzionamento” della nostra casa, o di altro immobile con diversa destinazione d’uso, significa in primis ridurre i picchi di domanda di energia elettrica e di gas e nello stesso tempo ridurre le emissioni di CO2.

Come detto precedentemente, il Solar Cooling sfrutta le potenzialità di pannelli solari termici abbinando l’intero impianto a una specie di macchina che serve per la produzione di freddo di potenza nominale superiore ai 20 kW. I pannelli maggiormente utilizzati sono di tipo solare termico vetrato, sottovuoto oppure ad aria. Il loro compito è quello di assorbire le radiazioni dell’irraggiamento solare trasformandole in acqua o in aria calda che attraversa la macchina che produce il freddo. Di conseguenza, a seconda del processo di trasformazione, l’acqua o l’aria fredda viene sfruttata per rinfrescare gli ambienti oppure, nel caso di realtà industriali, può essere impiegata per il processo di refrigerazione.

pannellitetto

PERCHE’ SCEGLIERE IL SOLAR COOLING

La scelta di utilizzare questo tipo di sistema, a bassa temperatura di esercizio, prevede numerosi vantaggi che vanno oltre lo sfruttamento di una fonte pulita, gratuita e rinnovabile e di fluidi non inquinanti come acqua e soluzioni saline per la climatizzazione.

Prima di tutto, l’irraggiamento solare viene sfruttato in maniera ottimale, senza bisogno di conservare le sue prestazioni, come succede in un tradizionale impianto fotovoltaico: tutta la sua produzione viene utilizzata, visto che le ore del giorno più calde e di maggiore irraggiamento sono anche quelle che necessitano di più fresco, specie in estate.

dscn1510

Poi, il Solar Cooling, oltre alla produzione del fresco, se utilizzato in abbinamento con pannelli solari termici, riesce a utilizzare tutta l’acqua calda prodotta dagli impianti solari, in tutte le stagioni dell’anno. Il meccanismo dei pannelli solari termici presenta delle prestazioni ottimali se dotato di impianti solari combinati che permettono di sfruttare le radiazioni solari sia per la produzione di energia elettrica sia per riscaldare l’acqua per l’impianto idrico sanitario.

Infine, l’impianto è di dimensioni ridotte che può essere facilmente installato all’esterno dell’abitazione, a basso consumo energetico grazie alla presenza di un assorbitore di potenza nominale non elevata e a basso inquinamento acustico in ogni sua fase di funzionamento. Può essere gestito e supervisionato da remoto, consentendo l’analisi della copertura solare e il raggiungimento del livello di efficienza dei pannelli termici tramite il confronto tra energia richiesta e energia prodotta nell’arco di tempo di 30 giorni.

 AGEVOLAZIONI FISCALI CON DETRAZIONI IRPEF DEL 65%.

Gli impianti solari termici possono usufruire degli incentivi legati agli interventi di risparmio ed efficienza energetica, fra i quali i principali sono:

  • Gli incentivi previsti dal nuovo DM 28 dicembre 2012 cosiddetto “Conto Termico”;
  • Titoli di Efficienza Energetica (TEE), anche noti come Certificati Bianchi;
  • Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico/ Detrazioni Irpef 65%.

solar-cooling-header

In Italia, alcuni tra i primi impianti Solar Cooler si possono trovare, ormai da qualche anno, presso le sedi di: Curia di Vallo Lucania a Salerno, Polistudio A.E.S. a Riccione, Centro di Ricerche Enea Casaccio a Roma, Casa di Cura Santa Margherita a Pavia, Palazzetto dello sport di Dongo a Como e, infine, Mensa Vaticana a Città del Vaticano.

Questo per dire che il Solar Cooling è una tecnologia giovane che non ha ancora raggiunto la piena maturità commerciale perché ancora poco conosciuta, ma che esiste ed è già stata collaudata, andando oltre ad applicazioni puramente sperimentali: in un paese come l’Italia, caratterizzato da estati molto calde in cui vi è grande disponibilità di radiazione solare e un’elevata richiesta di energia per il raffrescamento, questo tipo di sistema esprimerebbe al meglio tutte le sue potenzialità.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *