Le prime scarpe biodegradabili e vegane.

Il primo prototipo di scarpe biodegradabili e vegane è stata realizzata da Jillian Silverman e Wing Tang, due studentesse del dipartimento di moda e abbigliamento dell’Università del Delaware, con un materiale bio-composito, rinnovabile e proveniente in modo sostenibile dai comuni prodotti regionali. 

Le scarpe biodegradabili realizzate sono state presentate all’Esposizione Nazionale di Design Sostenibile, durante il Festival Americano di Scienza e Ingegneria che si è tenuto a Washington il 7-8 aprile di quest’anno.

Students in the Fashion Design program design shoes made from mushrooms.

“L’industria della moda produce un sacco di spreco, perciò la sostenibilità sta diventando un obiettivo comune a molti. È difficile credere che le persone cambino le loro abitudini di consumo ma queste scarpe, quando te ne stanchi o si rovinano, possono andare a finire nei rifiuti organici invece che in discarica”.  Jillian Silverman

Il progetto è iniziato nel 2015, quando la Silverman ha condotto una ricerca come studentessa universitaria in un programma estivo, collaborando con un’assistente professore di studi di moda e abbigliamento, Kelly Kobb.  Insieme hanno compiuto dei tentativi di realizzazione di calzature sostenibili, a partire da lavorazioni di scarti e dallo studio di diversi tipi di fungo. Il progetto finale del programma estivo della Silverman, non ha avuto molto successo, ma la studentessa non si è arresa, continuando a studiare i funghi anche durante il suo master.

“Ho continuato a pensarci. Non riuscivo a togliermi i funghi dalla testa. ” Jillian Silverman

Per lo sviluppo successivo del suo progetto si è appoggiata a Huantian Cao, un professore di studi di moda e abbigliamento e co-direttore della Sustainable Apparel Initiative di UD, che in precedenza aveva offerto la sua esperienza in progetti di ricerca simili per creare calzature sostenibili, a partire da una varietà di materiali compositi. 

I ricercatori avevano sperimentato la crescita di diverse specie di funghi e l’utilizzo di diversi materiali, noti come substrati, in cui il micelio forma la sua rete di radici. Il micelio non è altro che il corpo vegetativo dei funghi. Hanno fatto crescere numerosi campioni, li hanno asciugati e li hanno testati per un potenziale utilizzo come suola di una scarpa.

Le sostanze nutritive in cui i campioni sono cresciuti includevano piume di pollo e un prodotto di scarto tessile, spesso usato come materiale da imballaggio. 

 “Le penne di pollo e i prodotti tessili forniscono le sostanze nutritive per il micelio, e sono anche un materiale di supporto in cui crescere. Si comportano come una sorta di colla per formare una matrice e creare una struttura di rete per il micelio.” Huantian Cao

Dopo aver riprodotto questo esperimento, i campioni di micelio cresciuti dal gruppo di aiuto della Silverman sono stati testati e analizzati per la migliore specie e composizione. Il micelio è stato fatto crescere in uno stampo morbido a forma di suola per poi essere coperto da una “pelle” vegana per renderlo più resistente.

La Collega Wing Tang ha creato la parte superiore della scarpa utilizzando gli scampoli di tessuto di mussola, scartati dagli studenti del dipartimento di design e di abbigliamento, dei coloranti vegetali e del filo di cotone al 100%.

“Il design assomiglia ai funghi quando sono impilati e tutto è completamente biodegradabile.” Wing Tang

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *